Global menu

Our global pages

Close

Eversheds Sutherland e il welfare futuro

  • Italy
  • General

17-06-2017

I risultati delle elezioni dell’8 giugno hanno generato, oltre a mia generale incertezza sul scenario politico, ulteriori perplessità sul futuro del sistema sanitario britannico. Il National health Service, una volta fiore airocchiello del Regno Unito, è in una profonda crisi di sostenibilità e non riesce a tenere il passo con la crescita e l’invecchiamento della popolazione.

Tendenze che, Brexit o no, avvicinano il mercato inglese ai paesi europei. Germania, Francia, Spagna e Italia hanno, ciascuno paese con le proprie peculiarità, carenze strutturali, che impongo una seria riflessione sul ruolo dell’assistenza sanitaria integrativa.

Di queste e altre sfide relative al welfare europeo si è discusso durante un incontro organizzato dallo studio anglosassone Eversheds Sutherland a Roma, dove sotto l’abile regia degli avvocati Alessandro Engst e Valerio Lemma, si sono riuniti oltre 80 autorevoli esperti del settore per ascoltare gli interventi di rappresentanti di PosteVita, dell’Adepp, del Fondo sanitario Intesa Sanpaolo, del Fasi, del Fab e del Casdic. Durante rincontro, organizzato in collaborazione con Threestones Capital e con il Mefop, è stato letto anche un messaggio da parte del ministero della Salute.

Le conclusioni convergono verso la necessità di sostenere una crescita inclusiva e sostenibile, per dirla all’inglese smart, (riproduzione riservata)
Clicca qui per scaricare l'articolo.

For more information contact

Alessandro Engst, Partner
Valerio Lemma, Associate

Disclaimer

This information is for guidance purposes only and should not be regarded as a substitute for taking legal advice. Please refer to the full terms and conditions on our website.

< Go back

Print FriendlyTwitterLinkedInEmailShare
Register to receive regular updates via email.